Formazione-aggiornamento


Associazione Italiana per l’Integrazione in Psicoterapia


L’Associazione Italiana per l’Integrazione in Psicoterapia (AIIP) organizza per l’anno 2019 un percorso di formazione-aggiornamento per psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, neuropsichiatri infanzia e colleghi che lavorano nel campo della salute interessati allo sviluppo delle competenze professionali personali.
L’area scientifica è quella dell’integrazione fra i processi di adattamento-crisi-terapeuticità-evolutività, in relazione con sviluppi recenti del paradigma di integrazione teorica interdisciplinare in psicoterapia proposto dal gruppo di lavoro di AIIP. Questi processi riguardano sia le persone “pazienti” che le persone in ruolo clinico terapeutico.


Il piano di formazione-aggiornamento si svolge con una struttura modulare organizzata su tre linee di eventi formativi:

 

 

1.Teoria della clinica:

“…non c’è niente di più pratico di una buona teoria”

(Lewin, 1951)


La serie di seminari clinici tematici presenta i fondamenti conoscitivi e metodologici del modello clinico di integrazione teorica nella sua evoluzione recente. Essa è volta a contribuire all’aggiornamento delle competenze professionali secondo un’epistemologia di interdisciplinarietà fra clinica terapeutica e altri campi scientifici (neuroscienze cliniche, neurobiologia evolutiva, teorie dei sistemi complessi adattivi, fenomenologia, ecc.).

I seminari affrontano argomenti fondamentali per la clinica terapeutica relativi ad un insieme di processi di vita, in particolare quelli di adattamento-crisi-terapeuticità-riparazione dei sistemi complessi adattivi, con dirette connessioni con i processi di cambiamento-evolutività in psicoterapia. Essi sono promossi a partire da un’attenzione focalizzata sulle risorse emergenti, anche in situazioni critiche, della persona “paziente” nella relazione clinica.


Gli argomenti sono strettamente interconnessi a formare una configurazione coerente che guida e sostiene la persona in ruolo clinico e terapeutico con una comprensione affidabile dei processi propri e delle persone “pazienti”.


L’obiettivo formativo è delineare un sistema clinico ordinato di conoscenze che consente di ragionare sui processi di diagnosi-terapeuticità in modo da costruire le condizioni per l’emergenza di competenze personali.


I seminari sono rivolti a colleghi psicologi, psicoterapeuti, psichiatri, neuropsichiatri infanzia e colleghi che lavorano nel campo della salute.

I seminari sono aperti anche, in forma gratuita, a studenti di psicologia e medicina interessati che possono partecipare presentando insieme alla richiesta un documento che attesta l’iscrizione all’Università.


Alla fine di ogni seminario saranno consegnati l’attestato di partecipazione e il materiale didattico.

 

Orario: 9.30-13.30

Sede: Via Pratese, 13 – Firenze c/o centro clinico “L’albatro”

Calendario Incontri

sabato 23 marzo

Il modello teorico clinico di integrazione interdisciplinare in psicoterapia

Docenti: dott. Egiziano, prof. Menoni

sabato 25 maggio

Competenze personali di clinica terapeutica

Docenti: dr. Fressoia, dott.ssa Iannelli, prof. Menoni

sabato 06 luglio

Errori in psicoterapia: il modello integrativo interdisciplinare

Docenti: dott. Egiziano, dott.ssa Iannelli, prof. Menoni

sabato 21 settembre

Le risorse in clinica terapeutica

Docenti: prof. Bonelli, prof. Menoni, dott.ssa Rodi

sabato 16 novembre

I processi di cambiamento-evoluzione

Docenti: dott. Egiziano, prof. Menoni, Dott. Ridolfi

 

 

2. La clinica terapeutica in “supervisione” – intervisione:

“…saper ragionare sulla natura delle cose”

(Platone, Fedro, 370 a. C.)


Supervisione è la parola solitamente utilizzata per qualificare questo genere di attività.


Nella nostra prospettiva clinica è usata tra virgolette per consuetudine, insieme con la dizione intervisione, a significare la scelta epistemologica e valoriale della natura paritaria e circolare delle relazioni.


Questa serie di incontri clinici è proposta a colleghi che lavorano in clinica psicoterapeutica per “…ragionare insieme sulla natura” delle esperienze cliniche personali che evocano dubbi, problemi e talora crisi, come può accadere anche a persone con buone competenze professionali.


Negli incontri clinici vengono presentate e condivise in gruppo, da parte dei partecipanti, storie cliniche e sequenze terapeutiche con l’interazione di due clinici senior aperta a tutti.


Il lavoro è condotto con modalità in the group che privilegiano l’esperienza del singolo partecipante, secondo i principi di una prospettiva fenomenologica attenta ai processi intra-interpersonali percettivi-affettivi e di significato che scorrono fra risorse e limiti, errori e soluzioni alternative, blocchi ed evoluzioni.


La persona in ruolo clinico è protagonista e responsabile della propria esperienza terapeutica.


Sulla base di questa metodologia gli incontri di “supervisione”- intervisione sono volti a costruire le condizioni per lo sviluppo di relazioni basate sulla fiducia e sulla collaborazione tra “esperti” necessarie per l’emergere di processi di autorganizzazione personale-professionale.


Il lavoro in gruppo di “supervisione”- intervisione, ha per traccia le narrazioni e l’analisi delle sequenze intra-interpersonali. Esso è volto ad esplorare e validare l’esperienzialità della persona in ruolo terapeutico e i riferimenti con cui costruisce ipotesi di dia-gnosi e terapeuticità. La finalità non è, quindi, quella di ricercare e sanzionare errori e fornire correzioni ma condividere, sulla base di un sistema di motivazione collaborativa, la sequenza base di narrazione, validazione, focusing sulla crisi, ricerca ed emergenza di risorse. Ciò consente l’allargamento e la costruzione delle condizioni per l’emergere di configurazioni di coscienza più complesse che consentono, a misura della loro ricchezza, di superare i blocchi percepiti nel lavoro clinico-terapeutico.


La chiara consapevolezza di risorse e limiti personali consente di accorgersi e di validare l’emergere proattivo di possibilità nuove di esistere in una forma integrata personale e professionale.


La “supervisione” – intervisione è quindi occasione per la persona e il gruppo di apprendere dall’esperienza condivisa e di accrescere la propria complessità a misura della ricchezza dei processi di integrazione.

Orario: 9.30-13.30

Sede: centro clinico “L’albatro”, via Pratese, 13 – Firenze

Supervisori: prof. Bonelli, dr. Fressoia, prof. Menoni

Calendario

sabato

 16 febbraio

sabato

 06 aprile

sabato

 15 giugno

sabato

 14 settembre

sabato

 09 novembre

Sarà possibile una integrazione di questa programmazione (orari e giorni) sulla base dell’emergere di necessità diverse.

 

3. La clinica terapeutica personale in gruppo

“la persona terapeuta e la persona “paziente” coesistono”


La clinica terapeutica personale in gruppo segue una modalità fenomenologica in relazione a narrazioni esperienziali relative a sequenze di vita significative percepite come problematiche. Essa è basata sulla validazione degli assetti adattivi e sulla ricerca di risorse per il cambiamento di ciascuna persona partecipante e non sulla diagnostica di elementi di natura “patologica” con relative tecniche di intervento correttive. Segni e sintomi di distress in condizioni di crisi sono epifenomeni di un’evolutività comunque adattiva alle condizioni date in cui la vita si è svolta e si svolge.


Gli eventi hanno finalità clinico-terapeutiche personali. Essi si svolgono con modalità esperienziali “in the group” che privilegiano l’esperienza del singolo partecipante secondo i principi del modello integrativo.


Il lavoro è “guidato” da due terapeuti senior.


Il razionale clinico terapeutico è costituito da una serie di processi integrati:

  • narrazione e validazione dell’esperienza;

  • focusing sulla crisi e sulle risorse;

  • allargamento e costruzione delle condizioni per l’emergere di configurazioni di coscienza più complesse;


Il gruppo costituisce un ambiente naturale per fare esperienza delle proprie modalità relazionali con i loro processi affettivi-cognitivi. Esso ha un potenziale antinomico rispetto alle percezioni di solitudine e di eccezionalità.


Il contesto relazionale in gruppo, con buone “guide” che garantiscono a ciascuno il rispetto e la stabilità dei confini personali, è proattivo per un’esperienzialità “abbastanza buona” fra crisi, stabilità e novità sull’”orlo del caos”, secondo una dinamica nota dei sistemi complessi adattivi.


Il risultato atteso è che ciascuno possa trovare le condizioni di sicurezza necessarie per acquisire maggiori capacità di “comprensione” intra-interpersonale di risorse e di limiti. L’emergenza di processi integrativi di complementarietà (coesistenza di “parti” anche antinomiche) consente di poter esistere con un senso “abbastanza buono” di continuità di coscienza in sequenze continuamente mutevoli.


La crescita di complessità personale è funzione dell’emergere di nuove configurazioni di coscienza integrabili che consentano l’”uscita dall’automatico” con il superamento di conflitti e di blocchi evolutivi e l’aumento di “gradi di libertà”. Ciò promuove un’esperienzialità nuova come capacità di essere presenti a sé e di validarsi nelle proprie cangianti configurazioni.

Orario: 9,30-13,00 / 14,00-17,30

Sede: centro clinico “L’albatro”, via Pratese, 13 – Firenze

Trainer: Dott.ssa Iannelli, prof. Menoni

Calendario

domenica

 26 maggio

sabato

 28 settembre

sabato

 23 novembre

Sarà possibile una integrazione di questa programmazione (orari e giorni) sulla base dell’emergere di necessità diverse.

 

Iscrizioni e costi

Per partecipare al programma di formazione-aggiornamento AIIP 2019 occorre essere soci AIIP in regola con i pagamenti.

1. Teoria della clinica

Il costo delle singole giornate è di euro 30,00 (trenta,00).

2. La clinica terapeutica in “supervisione” – intervisione

Il costo di partecipazione a ciascuna giornata è di euro 50,00 (cinquanta,00)

3. La clinica terapeutica personale in gruppo

Il costo di partecipazione alla giornata è di euro 50,00 (cinquanta,00)

 

Al fine di una buona amministrazione degli eventi è necessario seguire questa procedura:

  • inviare richiesta di iscrizione ad AIIP tramite email info@integrazione-aiip.com

  • compilare la scheda di adesione AIIP 2019 ed inviarla ad info@integrazione-aiip.com

  • fare il versamento della quota sociale indicata al momento dell’iscrizione

  • fare il versamento in relazione alla frequenza

 

I pagamenti per la partecipazione agli eventi devono essere effettuati tramite bonifico bancario intestato a:

Associazione Italiana per l’Integrazione in Psicoterapia
Via Erbosa, 30 – 50126 Firenze
UBI – Banca
IT 74Y0311102804000000091508

Causale: contributo formazione-aggiornamento con data evento (indicare il cognome del socio se diverso dall’intestatario del conto).

 

Tesseramento AIIP 2019

 

socio didatta

80 euro

 

socio ordinario

60 euro

 

socio aggregato

40 euro

 

socio aderente

20 euro

Il pagamento della quota AIIP si esegue tramite bonifico bancario intestato a:


Associazione Italiana per l’Integrazione in Psicoterapia
Via Erbosa, 30 – 50126 Firenze
UBI – Banca
IT 74Y0311102804000000091508
causale: quota di iscrizione AIIP 2019

AIIP è un’Associazione no profit che vive dei contributi degli associati.